Chiudi

Andar per musei

Itinerario Artistico

Informazioni

In questo itinerario visiterai...

Scopri le curiosità, la storia, e le caratteristiche di questo percorso guidato!

Area Archeologica La Fenice Area Archeologica La Fenice

Storico

Area Archeologica La Fenice

Le origini romane di Senigallia erano note e visibili da tempo nelle fondamenta della Rocca Roveresca; ha destato invece grande stupore la scoperta, durante i lavori di fondazione del Nuovo Teatro "La Fenice", nel 1989, di importanti reperti databili al II-III secolo d. C., successivamente oggetto di sistematiche campagne di scavo. Oggi l'area archeologica La Fenice è una delle poche in Italia dove è possibile ammirare contemporaneamente i resti degli edifici di origine romana e i reperti trovati in sito.

 

Musinf Museo d'arte Moderna, dell'Informazione e della Fotografia

Museo

Museo d'arte Moderna, dell'Informazione e della Fotografia

Il museo comunale d'arte moderna, dell'informazione e della fotografia (MUSINF) è stato istituito nel 1981 realizzando un progetto del critico Carlo Emanuele Bugatti e sottoscritto da artisti quali Virgilio Guidi, Umberto Mastroianni, Orfeo Tamburi. Il MUSINF documenta il rapporto fra parola e immagine come binomio informativo, con una particolare attenzione all'utilizzo della fotografia, come espressione artistica e come supporto informativo.

Pinacoteca Diocesana

Museo

Pinacoteca Diocesana

Dal 16 maggio 1992, in occasione del bicentenario della nascita di Papa Pio IX, il palazzo vescovile diviene sede della Pinacoteca diocesana d'arte sacra. Nelle sue splendide sale è possibile ammirare opere di notevole pregio artistico, prestigiose testimonianze dei secoli dal 1500 al 1800.

Il museo Pio IX a Senigallia Palazzo Mastai Museo Pio IX

Arte sacra

Palazzo Mastai Museo Pio IX

Tra i cittadini illustri di Senigallia figura anche un Pontefice: Papa Pio IX, al secolo Giovanni Maria Mastai Ferretti, nato nel 1792 dalla nobile famiglia dei Mastai, giunta a Senigallia da Crema. I Mastai abitarono a Senigallia fino ai primi del ‘900.

Museo di Storia della Mezzadria Sergio Anselmi

Museo

Museo di Storia della Mezzadria Sergio Anselmi

Nell'affascinante complesso di Santa Maria delle Grazie, immerso nel verde delle colline di Senigallia, ha sede dal 1978 lo straordinario Museo comunale di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi”. Il museo, con i suoi duemila oggetti esposti, è un punto di riferimento indispensabile per chiunque voglia conoscere la quotidianità di vita e di lavoro nelle campagne marchigiane nella prima metà del novecento. 

Descrizione

L'immersione nella storia, nel vero senso della parola, può iniziare dall'Area Archeologica La Fenice dove possiamo fare conoscenza con i luoghi, gli oggetti e la vita quotidiana degli antichi abitanti della Sena romana. Oggi l'area archeologica La Fenice è una delle poche in Italia dove è possibile ammirare contemporaneamente i resti degli edifici di origine romana e i reperti trovati in sito. Un luogo ricco di fascino, palcoscenico unico e suggestivo che ogni anno ospita la rassegna Senigallia sotterranea con un programma ricco di eventi che spazia dal teatro alla letteratura fino all'archeologia.

Risalendo in superficie, attraversando solamente la strada, possiamo fare un salto temporale enorme al Museo Comunale d'Arte Moderna, dell'Informazione e della Fotografia -  MUSINF. Istituito nel 1981 realizzando un progetto del critico Carlo Emanuele Bugatti e sottoscritto da artisti quali Virgilio Guidi, Umberto Mastroianni, Orfeo Tamburi, il MUSINF documenta il rapporto fra parola e immagine come binomio informativo, con una particolare attenzione all'utilizzo della fotografia, come espressione artistica e come supporto informativo. Particolarmente interessante la sezione dedicata alla "Scuola Fotografica Misa" e una completa raccolta antologica di duecentocinquanta foto di Mario Giacomelli, fotografo di fama internazionale, con alcune delle sue serie più famose, come “Scanno” o “Io non ho mani che mi accarezzino il viso”, gli scatti dei celebri “pretini” che giocano nelle loro tonache nere.

Si prosegue poi verso Piazza Garibaldi dove il Palazzo vescovile è dal 16 maggio 1992 sede della Pinacoteca diocesana dove sono esposte pregevolissime opere artistiche testimonianze dei secoli dal 1500 al 1800. Il gioiello più prezioso della raccolta è La Madonna del Rosario e San Domenico di Federico Barocci (1535-1612), dipinto tra il 1588 e il 1592 su commissione della Confraternita dell'Assunta e del Rosario per la Chiesa di San Rocco.

Attraversando la bella piazza Garibaldi verso il centro città, proprio dietro il Palazzo comunale, troviamo Palazzo Mastai-Ferretti casa natale di Papa Pio IX al secolo Giovanni Maria Mastai Ferretti. Numerosi quadri, cimeli, stampe rendono interessante la visita alle sale del palazzo, ricche di ricordi e di documenti del Papa senigalliese che è ricordato anche per il più lungo pontificato (ben 32 anni dal 1846 al 1878) e per essere stato l'ultimo papa-Re della storia.

Il percorso museale finisce al Museo comunale di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi” a pochi chilometri dal centro storico di Senigallia raggiungibile in pochi minuti in auto e collegato anche con i mezzi pubblici. Il museo occupa una parte del convento di Santa Maria delle Grazie che si trova in una posizione affascinante e panoramica in collina. Duemila gli oggetti esposti organizzati in trenta ambienti a tema che ripercorrono le tappe della vita contadina: frantoi, macchine per la cernita dei grani, attrezzi per le riparazioni, cucina, telai, canapa e, nel seminterrato, una grande cantina. Un viaggio nei ricordi e nelle emozioni di un mondo rurale patrimonio culturale di ognuno di noi.