La cicerchiata Se c'è la cicerchiata è sicuramente carnevale

La cicerchiata è il dolce tipico marchigiano del carnevale. Il suo nome deriva da “cicerchia” il famoso legume presidio slow food delle Marche e dunque il significato di “cicerchiata” sarebbe quello di “mucchio di cicerchie”. Molto diffuso su tutto il territorio regionale ed in particolar modo nell’anconetano, va servita fredda, tagliata a fette e si conserva per diversi giorni.

Impastare le uova con la farina, il brandy e la buccia di limone. Con l’impasto ottenuto, formare dei piccolissimi bigoli che, tagliatiin piccole palline della dimensione di un seme di cicerchia, friggeremo in abbondante strutto o olio, muovendoli con una paletta di legno per evitare che si attacchino; scolarli appena avranno assunto un colore dorato.

A parte, in una casseruola, metteremo a fondere lo zucchero, aggiungendo il miele e a seguire le palline fritte, (a piacere si possono aggiungere mandorle tritate e abbrustolite, pinoli, oppure buccia grattugiata di arance e canditi tagliati a dadini) rimestando per qualche minuto.

Successivamente il tutto viene versato su un piatto, modellato con mani inumidite fino al raggiungimento della forma desiderata e lasciato raffreddare e consolidare. La cicerchiata va servita fredda a fette o spicchi e conserva il suo gusto fragrante per alcuni giorni.

Always connected with Senigallia Subscribe to the newsletter

Feel Senigallia will remind you what to do and what exciting news is in the city (and surrounding areas).

Please enable the javascript to submit this form