PREFERITI CERCA LOGIN

Ambienti – opere dagli archivi del Musinf

Sabato 15 aprile alle ore 17,30 a Palazzo del Duca, nella Sala Carlo Emanuele Bugatti, si inaugurerà la mostra “Ambienti – opere dagli Archivi del Musinf”. Le opere grafiche, selezionate da Stefano Schiavoni, provengono dai fondi che ciascuno dei maestri del ‘900 italiano coinvolti, donò nei primi anni di vita del nostro Museo Comunale d’Arte Moderna dell’Informazione e della Fotografia.

Il progetto Musinf, che ha portato all’inaugurazione del Museo nel 1981, è stato caratterizzato dalla costante collaborazione del proprio Direttore, il Prof. Carlo Emanuele Bugatti, con importanti e storicizzati artisti del Secolo Breve. Collaborazione che produsse per il Museo Comunale, numerose e qualificate attività espositive, edizioni dedicate, ma soprattutto donazioni di interi corpi di opere, con un’attenzione particolare al progetto Museo dell’Informazione.

Il Museo nasce grazie al forte legame con le attività espositive realizzate negli spazi della Rocca Roveresca, legate al “Premio Nazionale di Senigallia Il Cronista dell’Anno”.

L’iniziativa fu voluta dall’Amministrazione Comunale, dal Sindaco l’On. Giuseppe Orciari, dall’Azienda Autonoma di Soggiorno, dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti e dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani. La manifestazione, che inaugurò nel 1978, nelle sue sette edizioni (di cui l’ultima nel 1985), ha presentato mostre realizzate al Palazzetto Baviera con giornalisti-pittori e rassegne di rilievo nazionale sul rapporto storico e contemporaneo tra parola e immagine (Carracci, Hogarth, Raffaello e l’Incisione, i Maestri del 900, solo per citarne alcune). 

Indimenticabile la visita a Senigallia del Presidente Sandro Pertini per l’Edizione del 1981, con una perfetta organizzazione curata dal giornalista Piero Passetti, l’allora Presidente dell’UNCI. L’anno successivo i Premi vengono consegnati in Quirinale, sempre dal Presidente Pertini. 

Queste esperienze consentono una lettura articolata della storia di alcuni dei principali protagonisti del Novecento italiano, oltre a quantificare il fermento culturale presente nel Paese durante quegli anni.

La mostra si inserisce nelle attività di valorizzazione e promozione del patrimonio artistico comunale programmate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Senigallia.

Tale evento vedrà, nei prossimi mesi dell’anno, altri allestimenti realizzati con la finalità di far conoscere l’importante patrimonio accuratamente archiviato nel Musinf, nell’ambito di una rinnovata attività, nella nuova sede di Palazzo del Duca con accesso da via Marchetti, e che vede al lavoro il nuovo Comitato Tecnico Scientifico, diretto da Gian Mario Raggetti e composto da Stefano Schiavoni e Silvana Amati. 

Il Prof. Carlo Emanuele Bugatti, artefice e curatore per decenni del nostro Museo, ci ha lasciati il 3 marzo 2019.

L’Amministrazione Comunale vuole dedicare alla sua figura queste iniziative, in ricordo del rigoroso lavoro intellettuale e del fondamentale contributo fornito alla città di Senigallia. Bugatti ha progettato, promosso e diffuso nei quasi trent’anni della sua direzione artistica decine di iniziative. Grazie al suo costante e assiduo lavoro abbiamo avuto nella città di Senigallia quella che amiamo definire “la Repubblica degli Artisti”, una storia che vale la pena raccontare e ascoltare.  
La mostra, ad ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 13 maggio dal giovedì alla domenica dalle 15 alle 20

 

Icona calendario

DOVE E QUANDO

15 Apr 2023 - 13 Mag 2023 - Piazza del Duca Senigallia 60019 (AN)

clock icon

Orari

Orari di visita: dal giovedì alla domenica, ore 15.00 – 20.00

ingresso gratuito icon

Ingresso Gratuito

email icon

...oops, sei in ritardo per questo evento!
Non preoccuparti, a Senigallia non ci si annoia mai e puoi partecipare a tanti altri eventi!

Scopri i prossimi eventi

Sempre connessi con Senigallia Iscriviti alla newsletter

Ci pensa Feel Senigallia a ricordarti cosa fare e quali sono le novità entusiasmanti in città (e dintorni).

Please enable the javascript to submit this form