Chiudi

Al Festival del Giallo l’incredibile storia del sovrintendente Pasquale Rotondi che salvò dalla razzia dei nazisti e dalla distruzione bellica diecimila opere d’arte durante la Seconda guerra mondiale. Laura Curino racconta una storia che dà coraggio e che fa riflettere sul significato della parola responsabilità, trascinando il pubblico in un’avventura coinvolgente, fatta di luoghi preziosi, di opere di immenso valore e di persone disposte a rischiare tutto per portarle in salvo.

Scopri di più

Dove e Quando

Informazioni

Per saperne di più

È l’8 settembre 1943 quando il governo si sgretola, viene proclamata la Repubblica di Salò e nessuno dà più ordini chiari. Il protagonista è un uomo discreto con una famiglia tranquilla, un impiego come fedele servitore dello stato, un uomo dal sorriso appena accennato e gli occhi che brillano di intelligenza. Potrebbe scivolarci accanto passando inosservato, ma dietro questo quadretto di normalità si nasconde l’uomo che ha salvato quasi 10.000 preziosissime opere d’arte italiane dalla rapacità nazista e dalla distruzione bellica. Si tratta di Pasquale Rotondi che, in quegli anni, obbedendo solo alla sua coscienza etica e al suo senso di responsabilità, diventò eroico.

Una grande storia d’amore per l’arte e per l’Italia, ma soprattutto la storia di uomo straordinariamente normale che, con coraggio e passione, durante la Seconda guerra mondiale riuscì a salvare dalla razzia dei nazisti e dalla distruzione bellica quasi diecimila capolavori del nostro immenso patrimonio artistico.

Il recital ripercorre i cinque anni, tre mesi e otto giorni di rischi, avventure rocambolesche, decisioni prese sul filo del rasoio dall’uomo che in gran segreto, all’indomani dell’8 settembre del 1943 e dell’invasione tedesca, obbedendo solo alla sua coscienza etica e al suo senso del dovere, anche a rischio della propria vita e di quella della sua famiglia impedì ai nazisti di mettere le mani sui Giorgione, Tintoretto, Piero della Francesca, Lotto, Mantegna, Donatello, Correggio, Caravaggio, Tiepolo e tante altre opere presenti nei musei e nelle pinacoteche delle Marche, del Veneto, della Lombardia, di Roma e di Napoli. Una storia che dà coraggio e, al contempo, aiuta a riflettere sul significato della parola responsabilità.

Scopri tutti gli appuntamenti del Festival

8 cose da non perdere a Senigallia

  • Cena o Aperitivo in Spiaggia

    Con il mare che ti solletica i piedi, per un momento informale con gli amici o la famiglia o un appuntamento romantico.

  • Deliziati con una Cena Gourmet

    Scopri gli Chef stellati di Senigallia per un'esperienza gastronomica di altissimo livello.

  • Scopri la Senigallia sotterranea

    Visita l'Area Archeologica e scopri le origini della città di Senigallia, Il Cardo ed il Decumano costruiti dai romani e tante curiosità sulla nostra storia.

  • Torna bambino

    Costruisci una pista per le biglie nella fantastica Spiaggia di Velluto e rivivi i giochi di un tempo insieme ai tuoi figli.

  • Fitness Corner

    Rimani in forma anche in vacanza grazie ai Fitness Corner posizionati lungo la Spiaggia.

  • Balla il Jive

    Impara il ballo che ha contagiato Senigallia e tuffati negli anni '50.

  • Una serata a Teatro

    Il fascino esclusivo di una elegante serata a Teatro

  • Scopri la Storia dei Della Rovere

    Fatti guidare in una visita in città su tutti i luoghi significativi per la famiglia Della Rovere, signori di Senigallia.