Chiudi

Essere o non essere

Presenza assenza dell'attore/danzatore

workshop intensivo di teatro fisico e movimento somatico

Scopri di più

Informazioni

Per saperne di più

L’attore è più presente quando afferma fortemente la sua presenza in scena o quando si svuota di ogni presenza e azzerandosi fa parlare il suo essere “tramite” del personaggio? Come organizzare la propria presenza nello spazio e nel tempo per potersi permettere questo passaggio tra l’essere e il non essere? In questo workshop affronteremo un passaggio importante per chi vuole fare il mestiere dell’attore e del danzatore: quanto conta la mia presenza nello spazio scenico, è meglio essere e sforzarsi di essere oppure cercare di svuotarsi e sparire per dar spazio ad altro?
Essere medium implica conoscere la qualità e la natura del proprio mezzo per poi dimenticare tutto e far parlare il significato attraverso di sé. Per fare questo necessitiamo di strumenti percettivi non comuni, di superpoteri che ci consentano di attraversare lo spazio ed il tempo attraverso la sapienza del corpo e la nostra memoria cellulare. E’ l’organico che permette l’inorganico e non viceversa, ma l’inorganico, l’immateriale e quindi l’immaginario informano a loro volta la corporeità in un gioco reciproco. Essere e non essere si rincorrono così sulla scena e fuori dalla scena per nutrire la nostra presenza in modo tangibile e indelebile.
Lavoreremo sulla materia corporea in modo sottile, attraverso un lavoro somatico che tocca alcune strutture corporee essenziali per comprendere appieno la complessità del mezzo scenico per eccellenza, il nostro corpo. Renderlo duttile e malleabile, forte e imbattibile per ogni tipo di esigenza scenica ed emotiva, trovando in sé le risorse per essere o non essere al giusto momento e con la giusta intensità.

Partiremo dal corpo per aprire le sue possibilità di azione/ricezione, lo ascolteremo nei suoi vuoti e nei pieni, allenandolo sia internamente che esternamente. Lavoreremo su principi di somatica ed embodiment per poi uscire nella pratica di movimento e voce in relazione allo spazio/tempo.
Non esiste un teatro che non sia fisico, dal momento che anche un teatro di sola parola necessità della giusta vibrazione corporea per arrivare. E nelle infinite capacità e sfumature della nostra creatività la radice è sempre da cercare lì, all’origine dell’espressione, in quel mezzo straordinario che è il nostro essere corporeo. Proprio da lì quindi, partiremo per un piccolo e intensivo viaggio di due giorni alla ricerca dell’essere o non essere della presenza scenica che è anche un modo di vedere la stessa cosa da due punti di vista, o anche due mondi da esplorare con la stessa intensità.

 


SIMONA LISI

Danzatrice, attrice e coreografa ha studiato in Italia, Belgio ed Inghilterra. E’ laureata in Filosofia, Postgraduate Degree in Contemporary Dance alla London Contemporary Dance School di Londra, è Somatic Movement Eucator secondo il metodo BMC©. Si è formata sia come danzatrice che come attrice, studia canto, suona il pianoforte e compone. La sua formazione multidisclipinare le permette di muoversi agevolmente tra la danza, il teatro e il cinema d’autore, lavorando con alcuni dei più importanti autori
contemporanei, tra cui: i registi Paolo Sorrentino, Mario Martone, Marco Bellocchio, Pippo Del Bono, Cristina Comencini, Doug Liman, Francesco Saponaro e i coreografi Micha Van Hoecke, Adriana Borriello, Giovanna Summo, Nicoletta Cabassi, Chiara Reggiani e Simone Sandroni. E’ autrice di spettacoli, performance e opere video in cui lavora sulla contaminazione tra musica, voce e gestualità, di cui spesso compone le musiche originali. Svolge un’intensa attività pedagogica collaborando con istituzioni pubbliche e private,
università, Asl territoriali, associazioni di impegno sociale. Si occupa anche degli aspetti teorici e storici della performance dal vivo, in questo senso ha collaborato con l’Università di Macerata e il Laba di Rimini e pubblicato diversi saggi di estetica della corporeità. E’ direttrice artistica del Festival “Cinematica-immagine in movimento” di Ancona e “A pieid nudi nel parco” a Napoli.

 


Scopri tutti gli appuntamenti di Bacajà

...oops, sei in ritardo per questo evento!
Non preoccuparti, a Senigallia non ci si annoia mai e puoi partecipare a tanti altri eventi!



Un consiglio per te!
Torna a visitare questa pagina a breve e scopri i dettagli della prossima edizione!

8 cose da non perdere a Senigallia

  • Cena o Aperitivo in Spiaggia

    Con il mare che ti solletica i piedi, per un momento informale con gli amici o la famiglia o un appuntamento romantico.

  • Deliziati con una Cena Gourmet

    Scopri gli Chef stellati di Senigallia per un'esperienza gastronomica di altissimo livello.

  • Scopri la Senigallia sotterranea

    Visita l'Area Archeologica e scopri le origini della città di Senigallia, Il Cardo ed il Decumano costruiti dai romani e tante curiosità sulla nostra storia.

  • Torna bambino

    Costruisci una pista per le biglie nella fantastica Spiaggia di Velluto e rivivi i giochi di un tempo insieme ai tuoi figli.

  • Fitness Corner

    Rimani in forma anche in vacanza grazie ai Fitness Corner posizionati lungo la Spiaggia.

  • Balla il Jive

    Impara il ballo che ha contagiato Senigallia e tuffati negli anni '50.

  • Una serata a Teatro

    Il fascino esclusivo di una elegante serata a Teatro

  • Scopri la Storia dei Della Rovere

    Fatti guidare in una visita in città su tutti i luoghi significativi per la famiglia Della Rovere, signori di Senigallia.